Bisogna essere affamati di novità per seguire corsi e-learning

Bisogna essere affamati di novità per seguire corsi e-learning. Serve curiosità per superare l’abitudine, un po’ di follia per credere che funzioni.

Quello che oggi a molti sembra inutile, magari paragonandolo a un libro oppure a un corso seguito in un aula, sarà il futuro della formazione.

Quando Steve Jobs pronunciò la famosa frase “Stay hungry, stay foolish” si riferiva proprio alla necessità di essere sempre curiosi su tutto quello che ci circonda, talvolta anche con un pizzico di magica follia.

Bisogna essere affamati di novità per seguire corsi e-learning, specie in un settore come quello che si occupa di animali e ambiente, declinandolo in molti modi. Ci vuole la volontà di essere un po’ pionieri, di superare l’abitudine e di trovare la voglia di capire che da questo tipo di corsi passerà, in ogni settore, il futuro dell’apprendimento.

Secondo affidabili stime fra il 2016 e il 2023 il mercato della formazione online arriverà ad avere un valore di circa 240 miliardi di dollari, coinvolgendo nel suo processo di disseminazione culturale l’intero pianeta. Questa crescita riguarderà i settori accademici ma anche quelli extra-accademici, come quelli aziendali e l’erogazione di corsi  ai privati.

Già oggi molte aziende utilizzano le opportunità offerte dall’e-learning per erogare formazione ai dipendenti, anche attraverso il cosiddetto micro learning, la possibilità di imparare grazie a pillole informative molto brevi, che creano un percorso di crescita.

Bisogna essere affamati di novità per seguire corsi e-learning? Scherzi a parte un po’ si e un po’ no, perché la componente che deve fare da molla, costruendo la spinta per capire meglio funzionamento e opportunità, deve essere la voglia di migliorare le proprie competenze.

Nel 2016 l’Europa occidentale è stato il secondo mercato, dopo quello statunitense, per il volume di affari generati proprio dall’e-learning, con un ricavo complessivo fra servizi erogati, sviluppo e piattaforme di circa 8 miliardi di dollari. Contro più di 23 miliardi di dollari che rappresentano il valore del mercato del Nord America.

Quello che oggi a molti potrebbe sembrare come un salto in avanti senza possibilità di affermazione, specie quando si pensa a servizi extra professionali, altro non è che il futuro di formazione e informazione, che vedrà quasi scomparire la necessità di seguire fisicamente lezioni su una grande molteplicità di argomenti.