Cosa posso fare come cittadino per gli animali?

Cosa posso fare come cittadino per gli animali? Tantissime cose e in molti modi.

Il livello con cui tutti cominciano è sempre l’aiuto materiale e fatto in prima persona: nulla gratifica maggiormente del fare!

Con il tempo queste attività, fatte in organizzazioni o liberamente in modo individuale, ci rendiamo conto che non ci bastano, non risolvono.

Cosa posso fare come cittadino per gli animali? Aiutare è fondamentale: cure, cibo, riparo e attenzioni sono fattori che possono cambiare grandemente la vita di uomini e animali. Tutti abbiamo bisogno, almeno una volta nella vita, di essere aiutati da qualcun’altro.

Per difficoltà o per solitudine, per mancanza di risorse o per il bisogno di ricevere affetto.

Ma per fare cambiare le cose abbiamo necessità di poter essere protagonisti di un cambiamento: non basta più dare cibo e riparo, serve cercare di poter fare qualcosa di concreto perché le situazioni cambino. Non si può continuare a aiutare senza voler vedere che ci sia una possibilità, reale, di cambiare le cose!

Per poter essere attori di questo cambiamento dobbiamo poter esercitare il nostro ruolo di cittadini, sapendo quali sono i diritti che abbiamo ma anche i nostri doveri. Certe volte, per superficialità o cattiva informazione, chiediamo che le regole vengano rispettate, ma poi siamo talvolta i primi a infrangerle.

Quindi abbiamo bisogno di studiare, di imparare, di capire quale sia il miglior modo per raggiungere uno scopo ma anche quali siano i migliori argomenti per far breccia su chi ci ascolta, per ottenere la loro attenzione. Non serve alzare la voce, occorre sapere di cosa si parla e saperlo raccontare, trasmettere.

Per questo ci può aiutare l’e-learning, che ci permette di informarci, di conoscere, di ricevere informazioni ovunque ci troviamo. Poter studiare e imparare in treno o al mare rappresenta un modo intelligente per accrescere il nostro bagaglio di informazioni. Un uso delle informazioni che ci lascia liberi di poter decidere dove e quando volerle ricevere.